Il tuo esserci è la nostra forza. Più siamo e più contiamo. Partecipa alle nostre discussioni, ai sondaggi e ai nostri appuntamenti.

Registrati ora!
Username:

Password:


Ti piacciono il dibattito e gli argomenti che stiamo sviluppando?

Ogni settimana li trovi nella nostra news-letter in PDF (formato A4), la puoi stampare e diffondere
clicca qui per leggere la lettera dell'on. Anselmi Home Page
Appuntamenti

17 Luglio 2007
"Cosa fanno le donne per la politica?" A Genova una tavola rotonda
(Genova) Il distacco fra paese reale e classe politica ha raggiunto una distanza ormai quasi incolmabile. C’è bisogno di una nuova politica, e perché ciò sia possibile le donne devono essere riconosciute, motivate e tante, perché hanno sensibilità diversa, perché sono esigenti in fatto di etica morale, perché sono attente a non sprecare e meno attaccate ai privilegi, perché sono più propense all’ascolto e perciò più capaci di mettersi in discussione. Tutto questo almeno in linea generale. 
Si parlerà di un nuovo scenario della partecipazione femminile – domani, mercoledì 18 luglio, alle ore 16.30, nella Sala Liguria Spazio Aperto, di Palazzo Ducale, nel corso della Tavola rotonda "Cosa fanno le donne per la politica?", promossa dalla Consigliera Regionale di Parità e organizzata da “Donne in QuotAzione”, in collaborazione con Donnetwork, Donne in Rete, Emilyliguria, Laboratorio politico di donne, Società per Azioni Politiche di donne -  all’interno di una classe dirigente chiamata a rispondere sempre più frequentemente del suo operato, che fa sfoggio di colte citazioni, rimandando al mittente le richieste di trasparenza…mai come in questo periodo, per gli italiani, per le italiane vale il detto di J.F.K.: “non domandarti cosa può fare per te il tuo paese, ma cosa puoi fare tu per il tuo paese”…ebbene, proprio perché capaci di ascoltare, le donne non perdono un’opportunità di riflessione, e ancora una volta, insieme, si interrogano sul loro operato.
Cosa fanno per la Politica, per una politica intesa nella sua eccezione più ampia di perseguimento dell’interesse generale? Qual è la loro reale partecipazione alla vita del Paese? Qual è il loro contributo?
A fronte della loro attività, è giusto che esse vengano finalmente riconosciute, in modo che possano contribuire a fissare regole davvero democratiche che tengano conto della complessa realtà femminile. Ed è necessario che, una volta stabilite, le regole siano anche rispettate.
A livello partitico si sta discutendo, appunto, di regole. Alle donne interessa esserci, discutere di obiettivi e programmi, ma anche di regole, e vogliono vigilare affinché vengano messe in pratica.
Portano il loro contributo alla discussione le donne dell’Associazionismo ligure, condividendo esperienze, proposte e suggerimenti per una Politica più vicina alla cittadinanza.
Modera il dibattito la giornalista Silvia Neonato.
Coloro che volessero iscriversi a parlare durante la prima parte (interventi brevi, di non oltre 5/7 minuti) possono farlo scrivendo a donneinquotazione@libero.it.
Barbara Marinelli chiede preferibilmente interventi scritti (3 cartelle max) perchè sia possibile pubblicarli.

(Delt@ Anno V°, N. 165 del 17 luglio 2007)
19 Giugno 2008
da Asca
tutti coloro che hanno usato violenza alle donne ed ai minori potranno beneficiare delle norme cosiddette salvapremier
9 Giugno 2008
da Agi
No al divieto delle intercettazioni, sì alla tutela dei cittadini da eventuali abusi
9 Giugno 2008
da Ansa
Regolamentare i flussi, in rapporto al mercato del lavoro, ma attivare anche politiche di integrazione
I promotori, il Comitato Costituente, notizie e documenti sul Partito Democratico
1 Aprile 2008
Parte oggi il pulmino delle candidate del Pd
11 Marzo 2008
Roma, giovedì 20 marzo 2008, ore 14, Sala delle Colonne Palazzo Marini.
Questi sono documenti importanti che abbiamo selezionato per te. Possono esserci utili.