Il tuo esserci è la nostra forza. Più siamo e più contiamo. Partecipa alle nostre discussioni, ai sondaggi e ai nostri appuntamenti.

Registrati ora!
Username:

Password:


Ti piacciono il dibattito e gli argomenti che stiamo sviluppando?

Ogni settimana li trovi nella nostra news-letter in PDF (formato A4), la puoi stampare e diffondere
clicca qui per leggere la lettera dell'on. Anselmi Home Page
PD News

9 Ottobre 2006
Arturo Parisi: Da Orvieto un enorme passo avanti. Il Pd non può che nascere con regole democratiche

da La Stampa
I detrattori di Arturo Parisi la considerano una sua mania. Ma è proprio la smodata passione per la forza simbolica di parole e date, che fa ricordare a Parisi una ricorrenza: «Esattamente otto anni fa, in queste ore, cadde il governo Prodi e non ci lasciammo bene. Anzi direi che molti di quelli che l'altro giorno erano al seminario di Orvieto si lasciarono decisamente male e proprio in nome dell'Ulivo. Dopo Orvieto si può ben dire che ci siamo ritrovati in nome dell'Ulivo e che è maturato un fatto enorme sulla strada del Partito democratico. Certo, passando dalla descrizione fredda al sentimento, mi verrebbe da dire: non riesco a crederci...».

E' il solito Parisi. Si compiace, giocando con le parole. Intende dire che è felice per quel che è uscito dal seminario umbro, ma al tempo stesso non crede che sia tutto autentico l'oro che brilla. E' così? «Ho speso tanti anni lungo questo cammino, ricordo la fatica per ognuno dei passi in avanti, nulla ci è stato regalato, nulla ci sarà regalato. Ma ora tornare indietro non sarà possibile».

Da quando aiutò Mario Segni a lanciare i referendum che terremotarono la Prima Repubblica, il professor Arturo Parisi ha due fissazioni: la democrazia bipolare e il partito democratico.

L'Ulivo, il "mito" del Prodi tradito dai suoi alleati, le Primarie sono tutte sue invenzioni, ma ora che fa il ministro della Difesa a tempo pieno, Parisi si dedica raramente alle sue antiche passioni.

Ma al seminario di Orvieto - dove ha preferito non intervenire - accanto alla festa, ha visto i sintomi di una falsa partenza. Chi era ad Orvieto ha notato che lo storico via libera al partito democratico si è consumato senza pathos.

Dice Parisi: «Verissimo. E la cifra celebrativa, ripetitiva e quasi retorica di molti interventi rischiava di far fuori assieme al pathos anche la ragione. Sono invece grato a Massimo D'Alema che ha reintrodotto la categoria della realtà e della verità. Richiamandoci alla complessità del cammino che ci aspetta. L'eccesso di finzione è il peggior avversario di un processo».

Ad Orvieto il vicepresidente del Consiglio ha dato voce ai gruppi dirigenti di Ds e Margherita, lasciando intendere che - almeno in partenza - la plancia del nuovo partito dovrà essere formata tenendo conto delle "quote" precedenti.

Di fatto stoppando l'idea che i non iscritti ai partiti possano partecipare alla fase costituente secondo il principio «una testa, un voto».

Ma l'impossibilità per un cittadino qualunque di isciversi e contare fino a dopo il primo congresso del "Pd" non è una pretesa un po' curiosa? «Non curiosa, curiosissima! Nella relazione di Salvatore Vassallo ad Orvieto si faceva notare che su 100 elettori dell'Ulivo solo sei sono iscritti nelle liste dei partiti, solo 3 hanno partecipato almeno una volta in un anno ad una iniziativa di partito e solo uno su cento è riconducibile alla categoria del militante. Ma vogliamo restare al 23 per cento di elettori che andò a votare alle Primarie? Bene nella differenza tra l'1 per cento che milita e quel 23% c'è il bacino nel quale recuperare entusiasmo e pathos di quei cittadini attivi che non riescono a "metter becco" nella vita pubblica».

E anche se impedire per almeno due anni l'iscrizione attiva al "pd" rischia di configuararsi come una piccola sospensione di democrazia, Parisi non sta al gioco del bastian contrario: «Sospensione? Assolutamente no, direi che avremmo un potenziale di democrazia sprecata. Certo, io riconosco che l'apertura improvvisa di paratie in acque un po' stagnanti può essere causa di disordine. Ma vale la pena correre il rischio».

Quel che i tifosi delle "porte aperte" non riescono ad ammettere è che Ds e Margherita si preparano a conferire al nuovo partito strutture, dirigenti cresciuti in anni e anni ed è naturale che chiedano garanzie.

Ma forti di un 1 milione e duecentomila iscritti come possono temere l'irruzione di alcune migliaia di incontrollabili? «I nomi iscritti negli elenchi dei partiti ammontano a quella cifra, ma fino a quando la democrazia vive di elenchi si può immaginare il terrore suscitato dall'irruzione di partecipazione. Ma è un altro rischio da correre. Ed un altro principio da sancire è la contendibilità della leadership».

Da decenni i partiti vivono un declino e non sono esempi di democrazia, ma può un partito che si definisce democratico nascere con un deficit democratico? «Il primo connotato di un partito democratico è che deve essere un partito democratico. Lo riconosco: è una cosa che può sembrare qualunquistica e provocatoria e in parte lo è. Ma certo se non nasce bene, il nuovo partito rischia di non arrivare democratico».

Dunque, una volta ancora Parisi "contro" D'Alema. Negli ultimi 11 anni la dialettica - ma anche i successi - del centrosinistra sono ruotati essenzialmente attorno a due concezioni diverse della politica. Ci risiamo? «E' vero - dice Parisi - ci siamo incontrati e qualche volta scontrati. Limpidamente D'Alema è per il primato della politica, dei partiti e di questi partiti; io sono per il primato della società, per l'autonomia dei processi sociali. Tra il 1995 e il 1998 c'è stata un'asimmetria di ruoli: io da consigliere di Prodi, mi potevo permettere il lusso di guardare senza essere osservato. Ma lui aveva registrato la mia presenza, tantoché aveva provato - ancorché scherzosamente - a neutralizzarmi nella categoria di Hailé Selassié. Continueremo a discutere. Da Orvieto ci siamo portati i compiti a casa!».
19 Giugno 2008
da Asca
tutti coloro che hanno usato violenza alle donne ed ai minori potranno beneficiare delle norme cosiddette salvapremier
9 Giugno 2008
da Agi
No al divieto delle intercettazioni, sì alla tutela dei cittadini da eventuali abusi
9 Giugno 2008
da Ansa
Regolamentare i flussi, in rapporto al mercato del lavoro, ma attivare anche politiche di integrazione
I promotori, il Comitato Costituente, notizie e documenti sul Partito Democratico
1 Aprile 2008
Parte oggi il pulmino delle candidate del Pd
11 Marzo 2008
Roma, giovedì 20 marzo 2008, ore 14, Sala delle Colonne Palazzo Marini.
Questi sono documenti importanti che abbiamo selezionato per te. Possono esserci utili.