Il tuo esserci è la nostra forza. Più siamo e più contiamo. Partecipa alle nostre discussioni, ai sondaggi e ai nostri appuntamenti.

Registrati ora!
Username:

Password:


Ti piacciono il dibattito e gli argomenti che stiamo sviluppando?

Ogni settimana li trovi nella nostra news-letter in PDF (formato A4), la puoi stampare e diffondere
clicca qui per leggere la lettera dell'on. Anselmi Home Page
Rubriche - Hanno scritto

22 Ottobre 2007
La novità del partito democratico
Le donne escono finalmente di casa non solo per portare i figli a scuola e all'asilo o andare al lavoro.
di Sonia Sezzi
Credo che la nascita del Partito Democratico sia contrassegnata da grandi novità che i media non hanno saputo o voluto cogliere.

Prima di tutto  non si è "votato Veltroni" ma dei nostri rappresentanti che vanno a comporre delle Costituenti che poi voteranno i segretari: una il Segretario Nazionale (presumibilmente Veltroni) e altre nelle regioni i Segretari Regionali del Partito Democratico.

Già così non è certo piccola prova di democrazia, ma vi è un dato che dovrebbe saltare all'occhio con più forza: la metà esatta sono donne.

Forse non tutte sono dei geni della politica (neanche i maschi lo sono!), forse non hanno mai visto una sala consiliare, forse non sapranno dove "mettere le mani" all'inizio, ma finalmente ci sono e sono determinate ad esserci, ad imparare e a contare.

Credo che questo sia un segno molto forte che la nuova aggregazione invia a tutti: le donne contano, anche a loro devono andare potere e rispetto, considerazione e "valore".

Le donne escono finalmente di casa non solo per portare i figli a scuola e all'asilo o andare al lavoro; faranno, come spesso già accade, un  triplo lavoro per poter finalmente essere presenti nei luoghi dove si elaborano obiettivi e contenuti dell'azione politica con lo scopo, tutto femminile, di condividere le idee, controllare l'applicazione delle decisioni prese e l'osservanza delle regole.

Soprattutto oggi questo mi pare un segnale importante: la donna da diverso tempo sta diventando oggetto di violenza da parte degli uomini che per vari motivi la vedono come soggetto debole e facilmente prevaricabile, "luogo" di sfogo delle loro frustrazioni.

Le donne "contano poco" socialmente nel nostro paese e  restano per questo un soggetto debole spesso nemmeno in gradi di difendere i figli dalla violenza del maschio, sempre più incline ad affermare le sue ragioni con la forza a tutti i livelli di età.

Voglio credere che una maggior presenza di donne che possono portare il loro bagaglio di esperienze e conoscenze al femminile e "contare" in politica, sia un passaggio non di poco conto che speriamo la parte maschile del partito stesso sappia cogliere.

È un'occasione unica, non sprechiamola.


Sonia Sezzi

19 Giugno 2008
da Asca
tutti coloro che hanno usato violenza alle donne ed ai minori potranno beneficiare delle norme cosiddette salvapremier
9 Giugno 2008
da Agi
No al divieto delle intercettazioni, sì alla tutela dei cittadini da eventuali abusi
9 Giugno 2008
da Ansa
Regolamentare i flussi, in rapporto al mercato del lavoro, ma attivare anche politiche di integrazione
I promotori, il Comitato Costituente, notizie e documenti sul Partito Democratico
1 Aprile 2008
Parte oggi il pulmino delle candidate del Pd
11 Marzo 2008
Roma, giovedì 20 marzo 2008, ore 14, Sala delle Colonne Palazzo Marini.
Questi sono documenti importanti che abbiamo selezionato per te. Possono esserci utili.