Il tuo esserci è la nostra forza. Più siamo e più contiamo. Partecipa alle nostre discussioni, ai sondaggi e ai nostri appuntamenti.

Registrati ora!
Username:

Password:


Ti piacciono il dibattito e gli argomenti che stiamo sviluppando?

Ogni settimana li trovi nella nostra news-letter in PDF (formato A4), la puoi stampare e diffondere
clicca qui per leggere la lettera dell'on. Anselmi Home Page
Rubriche - Hanno scritto

15 Novembre 2007
Il Pd e la sfida della partecipazione
Il Pd non dimentichi che nel suo dna non ci sono solo i partiti, bensì una pluralità di voci da ascoltare e considerare.
di Maria Rosaria La Morgia

La politica è “un’arte nobile e difficile. Il che significa che chi la pratica deve essere un artista. Un uomo di genio. Una persona di fantasia. Disposta sempre meno alle costrizioni della logica di partito e sempre più all’invenzione creativa che gli viene richiesta dalla irripetibilità della persona”.

A distanza di quasi vent’anni le parole di don Tonino Bello, vescovo di Molfetta, sembrano profetiche su modi di governare i processi politici sviluppatisi in questo tempo. “Attenzione amici”, diceva agli amministratori, “Aggiustate le bilance! Perché non si ruba soltanto solo quando si ricava profitto sulla merce. Si ruba anche quando si ricava potere sulle coscienze!”. Parole che ci richiamano ad una responsabilità politica non da delegare ma da assumere in prima persona: nel proprio lavoro, nell’attenzione alla società, pagando con il proprio tempo e le proprie competenze, decidendo di spenderle un po’ per gli altri. Per maturare nuovi modi di progettare l’azione politica. È per questo che quello della partecipazione è uno dei nodi da sciogliere nel partito democratico: partecipare per decidere, ma anche partecipare per risolvere. Sbaglio, o abbiamo parlato per mesi dell’urgenza di costruire le vie di una partecipazione efficiente?

Il Pd non dimentichi che nel suo dna non ci sono solo i partiti, bensì una pluralità di voci da ascoltare e considerare. Suggerimenti che arrivano dalle tante donne e dai tanti uomini pensanti, attivi, dinamici, che hanno scelto di scommettere su questa nuova impresa, che hanno scelto di esserci al di là delle indicazioni di segretari e dirigenze, al di là delle tessere. Non è un compito facile ed è per questo che andrebbe valorizzato il lavoro delle assemblee costituenti, nazionale e regionali. Sono questi i luoghi all’interno dei quali vanno scritte le regole e vanno scritte dialogando. C’è un partito da costruire e da consegnare al futuro, un’impresa non facile. Un impegno che ha bisogno di tempo, passione , generosità, lungimiranza. Leggendo quanto è accaduto in molte assemblee regionali, a cominciare da quella abruzzese,per la scelta dei presidenti  è evidente il malessere. Si tratta dei primi sintomi di qualcosa che non va e far finta di niente , andando avanti come se nulla fosse accaduto, mi sembra sbagliato. Occorre intervenire subito per ridare valore al cammino costituente e trovare i modi per una partecipazione di tutti, per costruire un partito  plurale. Ci vuole quell’innovazione creativa e quella generosità auspicate da don Tonino Bello.

Oggi sulle sorti del partito democratico si apre un confronto vero tra chi spera di convincere gli elettori ripetendo la filastrocca che si tratta non di “un nuovo partito” ma di “un partito nuovo”, e chi con gli atti, con le scelte, con le competenze e con le persone vuole offrire un'idea bella e convincente di politica. È tempo di rimboccarsi le maniche e lavorare, perché questo progetto trovi risposte precise ad esigenze reali. Ma riuscirà a farlo se e solo se  trarrà il suo slancio dall'entusiasmo di quelle persone che hanno votato convinte di poter cambiare e di poter contare.

Nel Paese e nel partito!



Maria Rosaria La Morgia
Consigliera regionale

ed eletta all’assemblea costituente nazionale del Pd

19 Giugno 2008
da Asca
tutti coloro che hanno usato violenza alle donne ed ai minori potranno beneficiare delle norme cosiddette salvapremier
9 Giugno 2008
da Agi
No al divieto delle intercettazioni, sì alla tutela dei cittadini da eventuali abusi
9 Giugno 2008
da Ansa
Regolamentare i flussi, in rapporto al mercato del lavoro, ma attivare anche politiche di integrazione
I promotori, il Comitato Costituente, notizie e documenti sul Partito Democratico
1 Aprile 2008
Parte oggi il pulmino delle candidate del Pd
11 Marzo 2008
Roma, giovedì 20 marzo 2008, ore 14, Sala delle Colonne Palazzo Marini.
Questi sono documenti importanti che abbiamo selezionato per te. Possono esserci utili.